Ascolta la Webradio

 

 

LIVE IS LIFE - "Alla ricerca del rock interiore"

Presente, Futuro, Passato

Non c'è spettacolo della vita migliore di quando la tua vita diventa uno spettacolo, o perlomeno ha tutti i presupposti del caso.

Non è mia in tenzione trasformare questa pagina nel mio diariuccio segreto perché non solo non potrebbe mai essere segreto ma più che altro perché non è questo il suo scopo. E' un'appuntamento settimanale, a volte di più a volte di meno, dove viene trattato quello che mi colpisce, quello che succede. Ma è anche vero che se succede qualcosa al sottoscritto, qualcosa di meraviglioso tanto da essere chiamato "spettacolo di vita", non si può tacere in nessun modo. Spero mi perdonerete per questo.

Vedersi pubblicare un libro (di poesie!) e creare la propria pagina facebook per promuovere tutto ciò che c'è di artistico nella mia vita, questa pagina compresa. Due traguardi che non hanno niente in comune, a parte provenire tutti e due da me: il primo è un sogno che si realizza e parla di speranza, il secondo è una scelta dettata dal cambiamento e parla di crescita. E' la prova di alcune piccole, gigantesche cose che cambiano. Una candela in futuro nebuloso. Non sarà un granché, ma la sua presenza fa si che la paura del buio non prenda pienamente il sopravvento.

Bene signore e signori, io la pianto qui e mi fermo. Come dite? Così presto? Si, effettivamente avrei un miliardo di parole da spendere per quest'occasione, ma non lo farò. Il mio fermarmi e stare in silenzio vuole essere il mio contributo alla ricorrenza che viene ricordata ogni 27 gennaio. In una delle poesie del mio libro in uscita c'è questo verso: "Il mondo è un problema/ più grande di me/ l'importante è capirlo" Sembra un'immensa cazzata, ma in realtà neanche più di tanto se ci si sta a pensare. Altrimenti non staremmo qua, anno dopo anno, a ripetere fino alla sfinimento "per non dimenticare". Vorrei poter scrivere qualcosa di più al riguardo e dare il mio contributo a questo giorno, ma non credo di esserne degno. E poi sapete la verità? Ci sono certi avvenimenti e certe verità così crudeli nella loro essenza che non dovrebbero continuamente essere sottolineati e sperare che quello che sia stato non accada più. Dovrebbero colpire così forte dentro ognuno di noi da non lasciare nessun margine di errore, anzi, bisognerebbe proprio imparare da quell'errore. Invece sono qua, incredulo che debba scrivere una cosa del genere. Perché il fatto che continuiamo a urlare in maniera ossessiva sempre le stesse frasi "per non dimenticare" non è una bella nota sul curriculum del genere umano.

Scusate la parantesi. Fine.

 

"Tedio domenicale/ quanta droga consuma/ tedio domenicale/ quanti amori frantuma" (CCCP-Fedeli alla linea, "Aghia Sophia")

Luke

Video